ABOUT

villa-ottolenghi-2

Villa Ottolenghi Wedekind e’ una dimora storica costruita nella prima metà del ‘900 sulle colline di Acqui Terme (AL) dal conte Arturo Ottolenghi e dalla moglie Herta Wedekind zu Host, pittrice e scultrice riconosciuta a pieno titolo tra le avanguardie del primo novecento

La storia della dimora è tra le più intense e affascinanti di un periodo della storia italiana tanto travagliato quanto ricco di fermenti innovativi in tutti gli ambiti della cultura e dell’arte.

Al risultato finale hanno contribuito architetti come Marcello PIacentini e Gio Ponti, artisti del calibro di Adolfo Wildt, Libero Andreotti, Ferruccio Ferrazzi, Arturo Martini, Venanzo Crocetti e Fortunato Depero, solo per citare i più noti. I giardini, invece, che nel 2011 hanno ottenuto il primo premio all’european garden award, portano la firma di Pietro Porcinai.

_DSF0015 a

Nel 2006, grazie all’acquisto e al paziente restauro che l’attuale proprietario ha operato insieme alla sua famiglia, la villa è uscita da una fase di declino che sembrava irreversibile. Oggi centinaia di persone arrivano da ogni parte d’Italia e anche dall’estero per visitare ogni anno la tenuta, apprezzandone le atmosfere uniche e le numerosissime opere d’arte disposte a volte secondo una precisa strategia, altre volte in modo apparentemente casuale, negli spazi interni ed esterni della villa.

11_Il-Tobiolo1

Il Tobiolo, in particolare, splendida fusione in bronzo di Arturo Martini che i conti Ottolenghi acquistarono nel 1934, sospeso a pelo dell’acqua della grande vasca decorativa, concreto e irreale al tempo stesso, rimane impresso nella memoria dei visitatori in modo indelebile e da solo varrebbe il viaggio.

Per pernottamenti e soggiorni sono disponibili poche camere con le quali il complesso si propone alla clientela internazionale come un relais di charme dalle caratteristiche uniche nel panorama, pur ricco, dell’offerta turistica di un territorio di antica vocazione come quello che circonda la rinomata cittadina termale di Acqui.

102

Gli ospiti di villa Ottolenghi-Wedekind possono vivere un’esperienza assolutamente fuori dall’ordinario, abitando negli ambienti di Arturo ed Herta e scoprendo dettagli sorprendenti nati dalla loro passione per l’arte e la cultura. Possono ammirare le fusioni e i ceselli dei fabbri Ferrari e le boiserie dei falegnami di casa.

CESELLI FABBRI FERRARI

Tra un bagno in piscina e una partita a tennis, possono passeggiare nel verde delle vigne di Monterosso, visitare la cantina, il parco, i giardini, il patio della bagnante con il suo elegante porticato e visitare il Mausoleo dedicato da Arturo Ottolenghi alla madre Clotilde, decorato da un grandioso ciclo di mosaici di Ferruccio Ferrazzi.

AFFRESCHI ferrazzi mAUSOLEO

Il tutto con i servizi, il comfort e l’attenzione ai dettagli di un albergo elegante ed esclusivo

Sono disponibili anche pacchetti a tema che coinvolgono il meglio dell’offerta turistica del territorio, dalle terme al campo da golf, dai tesori enogastronomici del Monferrato e delle Langhe alle più interessanti mostre ed eventi culturali del momento.

Villa Ottolenghi-Wedekind e’ inoltre un’imperdibile tappa dei migliori itinerari nella bellezza e nel gusto che la collegano ad altre importanti residenze storiche italiane private, ma aperte al pubblico.

111